Euroluce 2009

Si è chiusa oggi Euroluce, la mostra internazionale dell’illuminazione, tenutasi in concomitanza con il Salone internazionale del Mobile alla fiera di Milano-Rho. Due importanti manifestazioni che hanno dato spazio a design, creatività e innovazione.

Ad accompagnare queste due fiere ci sono state anche alcune polemiche, come quella di non essere state in grado di accogliere (per questioni di spazio) 491 aziende. A parte che se non è abbastanza grande la fiera di Rho (345.000 metri quadrati espositivi coperti e 60.000 all’aperto), roba che in confronto uno stadio è il negozietto sotto casa, mi sa che dovremmo riprendere le misure. Ma quale alternativa si poteva trovare? Dividere il salone in due sessioni? Allargare la fiera di Rho? Impensabile… e poi, che volete farci, finché danno la precedenza alle mucche!

Mucche

A Euroluce sono stati presentati numerosi prodotti per l’illuminazione dove la tecnologia è sempre più presente. Tra questi, Giotto, il primo sistema di illuminazione stradale a LED con integrata l’innovativa tecnologia digitale ZigBee, nato dalla collaborazione tra Grechi Illuminazione e POLI.design. Il progettista e designer Marco Brianza ha saputo creare un prodotto dalle forme semplici e accattivanti che ha permesso l’impiego di sorgenti luminose a LED che, garantendo un’alta efficienza luminosa, ben si prestano alla variazione del flusso luminoso in base alle necessità, consentendo così un significativo risparmio energetico.

Giotto Giotto

Osservando gli apparecchi per l’illuminazione stradale esposti in fiera sembra che, tranne per pochi, l’estetica sia rimasta ferma ai tempi delle fiaccole… e vabbe’, ma se consideriamo che alcuni di questi prodotti hanno anche problemi di ottica, viene da chiedersi se per quelle aziende forse non era il caso di investire le risorse in altro modo.

Progettare un sistema di illuminazione stradale è alquanto complesso. Non si comprende però come sia possibile che un noto marchio pubblicizzi un palo della luce, più volgarmente detto lampione, a risparmio energetico, ma ben lungi dall’essere funzionante concretamente.

A proposito di nomi, avete fatto caso che non è più in voga il termine lampione? Gli addetti del settore li chiamano apparecchi di illuminazione stradale, pali della luce, armature stradali, corpi illuminanti stradali ecc. per distaccarsi da una parola riduttiva e obsoleta. A questo punto mi chiedo: sarà ancora legittimo chiamare “lampadario” quell’oggetto che pende dal soffitto, o anche per quello hanno coniato un nuovo termine? Più che altro perché, nel bel mezzo di un discorso, non vorrei risultare vagamente rétro.

Passando all’illuminazione da interni devo ammettere che molti stand mi hanno “abbagliata” anche se, tocca dirlo, “non era tutto oro quello che luccicava”. Come una dimostrazione a cui ho assistito presso uno stand molto gettonato. L’espositore ci ha messo talmente tanto entusiasmo nella dimostrazione che sembrava la scoperta del secolo, ovvero una lampada OLED che varia la luminosità grazie a un sensore di prossimità. Peccato che siano arrivati con un lieve ritardo, perché la lampada Mathmos Airswitch tc che ho sul comodino, dotata anch’essa del medesimo sensore, è vecchia di almeno un anno e mezzo.

Un aspetto che merita di essere menzionato riguarda le indicazioni della fiera, tutte prese alla lettera.
– “Apertura al pubblico unicamente domenica 26 aprile 2009″… eppure i numerosi visitatori di venerdì non mi pareva che fossero tutti operatori del settore.
– “Vietato l’ingresso con bagagli ingombranti”… eppure ho rischiato di essere travolta da un trolley non propriamente dalle dimensioni “bagaglio a mano”.
– “Vietato l’utilizzo di macchine fotografiche e cineprese”… eppure mi è sembrato che gli espositori ci tenessero particolarmente a essere immortalati vicino ai loro prodotti.

Un’organizzazione brillante si è vista negli ingressi-uscite con tessera espositore. In pratica, per evitare che una tessera espositore venga ceduta a qualcuno che è all’esterno della fiera, ogni volta che un espositore esce ed entra deve passare la tessera. E allora perché se da un’uscita dovevi passare la tessera, dall’altra gli uomini della security erano lì pronti ad aprirti le porte dicendo che non occorrreva alcuna tessera per andare all’esterno? In questo caos ho visto scene di espositori che dall’esterno timbravano prima l’uscita (per azzerare il passaggio) e subito dopo l’entrata. Ma son cose che capitano.

Altre foto della fiera le trovate qui.


Una Risposta

  1. […] Euroluce 2009 […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *