Già visto

Lui ha un aspetto dimesso. Non sarà realizzato?
Lei porta un solitario all’anulare sinistro. Sarà felice?
I film che ci facciamo quando viaggiamo in treno.


6 Risposte

  1. mirella
    | Rispondi

    Bello. Ed enigmatico, c’è un clima di attesa, di suspense che giustamente si scioglie nella parte finale. E’ una sintetica rappresentazione di come si possono trarre impressioni sbagliate da un’osservazione superficiale. Complimenti e auguri .

  2. Cenzino
    | Rispondi

    Di non immediata comprensione e, di primo acchito, le varie scene sembrano slegate. Dopo averlo visto e rivisto m’è venuto in mente Antonioni. Nella sua estrema brevità, grazie anche ai brani musicali molto ben scelti, ti fa capire come mai e poi mai bisogna fidarsi della prima impressione nel giudicare fatti e persone. Buoni tutti gli interpreti con particolare menzione al supposto “single”.

  3. Pier Luigi
    | Rispondi

    Il cortometraggio è impostato molto bene,certamente occorre visionarlo attentamente ed è utile rivederlo per comprendere nella sua interezza la trama ed il significato di ciò che i protagonisti trasmettono nell’osservare ” Già visto” . Per uno che ha vissuto alcuni anni come pendolare, ricordano che, nell’osservare il comportamento dei compagni di viaggio, a volte, la fantasia porta ad immaginare cose lontane dalla realtà. Complimenti a tutti i protagonisti e a chi ha avuto l’idea di questa realizzazione.

  4. […] il protagonista di Già visto il testimonial della Birra Ichnusa per il […]

  5. […] Già visto in un’immagine. Riconoscete le scene del corto? […]

  6. […] sera Già visto è stato proiettato, fuori concorso, al Milano Film Festival. Non nego che l’emozione di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *