Una passeggiata in riva al mar Adriatico

Una mattina all’alba due amiche passeggiano lungo una spiaggia dell’Adriatico.

Il sole sta nascendo all’orizzonte, le due osservano i perscherecci ormai di ritorno dalla nottata e, chiacchierando, raccolgono alcune conchiglie.

Ora il sole si fa più alto e caldo e i primi bagnanti raggiungono la spiaggia.

“Torniamo a casa? Comincio ad aver caldo.”
“Ok, per oggi abbiamo camminato abbastanza.”

Nel frattempo un barchino sta approdando. Il pescatore salta a terra, svelto svelto monta un banchetto e ci versa secchiate di telline, vongole, lumachine di mare e una stella marina.

“Uh, che bellezza!” esclama un’amica.
“Ha fatto una bella pesca!” aggiunge l’altra.
“Eh, stamattina mi è andata bene!” sorride l’uomo.
“E questa roba la vende?”
“No, quando la pesca è fortunata insieme agli amici faccio una bella spaghettata.”
“Che bella questa stella!”
“Giovedì mattina sarò di nuovo qui, se ci troviamo ancora vi posso dare un po’ di vongole… se le pesco.”
“Ah, grazie, molto volentieri.”
“Allora a giovedì. Buona giornata.”

Le due amiche riprendono la via verso casa. Silenziose, camminano con i piedi sguazzando nell’acqua a testa bassa.

A un certo punto, una alza la testa: “Ma dove siamo?”.
“Ah, siamo già arrivati a casa?”
“Ma guarda che non è qui.”
“Guarda bene, quella non è la tua casa?”
“Non lo so, ma dove sono finiti gli alberi?”
“È vero, che strano. Eppure la casa sembra quella.”
“Sì sì, anche a me sembra la mia casa, ma…”
“E dov’è la pista di pattinaggio?”
“Ma da casa mia non si vede la casa dei Falchi!”
“Aspetta un momento, ragioniamo.”
“Le finestre sono uguali, le persiane pure, il tetto è identico, ma c’è qualcosa che non mi torna…”
“Guardiamo bene, aspetta… l’hotel San Giacomo dov’è?”
“Ma forse è più indietro, sai?”
“E la casa del farmacista? Non confina con la tua?”
“Eh sì, ma qui non c’è.”
“Sai cosa ti dico? Sono tutta sudata, facciamo un bel bagno e poi ci pensiamo.”
“Va bene, ci sto.”

Le amiche entrano in acqua e nuotano un po’. Nel frattempo la spiaggia si è popolata.

Quando escono una delle due esclama: “Ecco la casa del farmacista!”.
“E l’hotel San Giacomo. E la pista di pattinaggio” risponde l’altra.

Attraversano il lungo mare e dietro alcune piante vedono Giovanni seduto a leggere un libro. Sono arrivate a casa.

Giovanni, appena le vede, chiede: “Ma dove siete state? Che fine avete fatto?”.

“Non ci puoi credere, ma abbiamo perso la casa!”
“Ti assicuro che abbiamo visto una casa uguale, ma non c’erano gli alberi davanti.”

“Ma allora avete visto la casa del macellaio! È identica, ma sta trenta metri più avanti.”

E scoppiano tutti in una risata.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *